Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

martedì 1 agosto 2017

Atac Roma. Privatizzate altre 6 linee per “compensare” un mese di lavori

In questi giorni si fa un gran parlare di Atac, tutti mettono bocca tranne i diretti interessati, cioè i lavoratori. Qui di seguito, in cinque minuti, alcuni di loro, ci spiegano come stanno le cose...
Nel frattempo si viene a sapere che un altro milione di chilometri di linee urbane è stato privatizzato.

Come?

Si stanno per aprire i lavori tra le fermate Arco di Travertino e Termini della linea A della metropolitana, in vista della realizzazione della congiunzione con la linea C a San Giovanni. Pertanto la linea A verrà interrotta per tutto il mese di agosto tra le due stazioni e bisognava mettere in piedi il sevizio sostitutivo con “navette”.

La pensata dell’azienda – prima che il direttore generale Rota scegliesse di andarsene strepitando contro i “lavoratori che lavorano poco” – è stata decisamente “creativa”. Invece di usare i mezzi e il personale dell’Atac per coprire questo servizio temporaneo, ha chiesto a Tpl (l’azienda privata che copre già ora, in modo vergognoso, 105 linee urbane periferiche, in genere i quartieri al di là del Grande Raccordo Anulare; lasciando spesso a piedi i cittadini, e senza stipendio per mesi i dipendenti) di assumersi questo incarico. Ovviamente pagando, a spese dell’Atac.

La risposta è stata completamente negativa. La Tpl si è fatta due conti e avrebbe dovuto comprare una cinquantina di autobus e assumere i relativi autisti (su tre turni) per una commessa che dura soltanto un mese. Con inevitabili licenziamenti e conflitti a partire da settembre.

A quel punto i “fantasiosi” dirigenti di questa grande e massacrata azienda hanno proposto una sorta di “scambio in natura”: la Tpl si assume la coperture di questo mese di “navette” in cambio della privatizzazione definitiva di altre 6 linee. Fino alla fine del contratto di servizio con Tpl. Ossia per sempre, perché quando terminerà questo contratto ci sarà una gara per affidare il servizio a un altro gestore privato (nel caso che Tpl non volesse rinnovare).

Questa proposta è stata accettata e dunque Atac ha fatto l’ennesimo “affare” a perdere, sia per l’azienda, che per i lavoratori e i cittadini. Sei linee e circa un milione di chilometri, per sempre, in cambio di un mese su una frazione (cinque-sei chilometri) di una sola tratta.

Dei geni dell’economia!

Video

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento