Presentazione


Aggregatore d'analisi, opinioni, fatti e (non troppo di rado) musica.
Cerco

mercoledì 12 aprile 2017

Nessuna complicità con la guerra. Le piazze prendono vita


Non è l'aria delle grandi mobilitazioni contro la guerra del 2003, un contesto irripetibile e sul quale è inutile nutrire nostalgie o paragoni, ma finalmente alcune piazze vedono gente metterci la faccia contro i bombardamenti statunitensi sulla Siria e l'escalation di guerra. E' avvenuto sabato a Milano e Brescia, lunedì a Genova e oggi tocca a Roma dove Eurostop, Prc, rete No War hanno organizzato un presidio alle 17.00 in piazza Barberini (vicino l'ambasciata Usa), mentre a Napoli si sta discutendo la proposta di una manifestazione al comando Nato di Lagopatria/Giugliano.

"L’amministrazione Trump ha scatenato unilateralmente i bombardamenti sulla Siria innescando il rischio di una escalation di guerra che potrebbe ben presto estendersi anche alla Corea" denuncia Eurostop in un comunicato, sottolineando come "Il governo italiano e quelli europei hanno appoggiato l’avventurismo militare statunitense assicurando ancora una volta le basi di partenza della flotta che ha lanciato i missili sul territorio siriano e sostenendone l’azione sul piano politico".

Iniziative ancora molto al di sotto dell'urgenza e del necessario ma che comunque possono avviare un ciclo di discussione e iniziativa sulla quale non si può perdere ulteriormente tempo. L’escalation militarista va fermata subito. L’Italia non deve farsi coinvolgere nella guerra. La guerra va fermata, con ogni mezzo necessario.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento